Borgo_Lanzetta_di Nino Lanzetta, dal Corriere dell’Irpinia del 15.01.2013

I falò o i “focaroni”, come oggi vengono più comunemente denominati, richiamano una tradizione consolidata nei secoli, non solo in Irpinia ma in tutto il territorio nazionale, e si fanno in occasione di diverse festività non solo d’inverno ma anche nei mesi estivi. Di solito, però, si fanno nel periodo di maggior freddo (metà gennaio) e si fanno risalire al culto per Sant’Antonio Abate, quello che nella tradizione popolare si rappresenta accompagnato con il maiale. Sant’Antonio Abate è considerato il protettore del fuoco, forse – come dice la tradizione- per essersi recato perfino nelle fiamme dell’inferno per contendere le anime dei cristiani al diavolo. Dappertutto Sant’Antonio Abate, forse per distinguerlo dall’omonimo Santo di Padova, ma anche per un’antica consuetudine di confidenzialità, ritenendolo un Santo popolare e della povera gente, viene chiamato Sant’Antuono. E’ festeggiato il 17 di gennaio; ed è appunto in tale giorno (ma anche nel giorno della vigilia) che si accendono i focaroni.

Con la festività di Sant’Antuono si dà inizio al carnevale. “Sant’Antuono, maschere e suoni” dice il detto popolare per ricordare l’evento. Dalla domenica successiva, infatti, escono le maschere e si intrecciano canti e balli che durano fino al martedì grasso, ultima giornata di Carnevale e clou delle feste. Il mercoledì successivo comincia la Quaresima e addio maschere e suoni!

E’ tempo di penitenza per la preparazione alla Pasqua. I falò non a caso si fanno nel periodo di maggior freddo, quello durante il quale una volta si ammazzavano i maiali e, non essendoci ancora i frigoriferi, era considerato il tempo migliore per lavorarne la carne, salarla e conservarla in locali lontani dal caldo dei focolari.

Nei “vasci”, come si chiamavano a Castelvetere i locali a pianterreno spesso non pavimentati che, specie d’inverno, erano freddi e asciutti, perciò idonei a conservare frutta ed alimenti ed anche il vino per chi non aveva una cantina attrezzata.

(altro…)

Locandina 17 gennaio_di Franca Molinaro

È fissato per il 17 gennaio a Castelfranci, il primo appuntamento con “Le Ricorrenze della Grande Madre”, serie di manifestazioni stagionali legata al ciclo della terra e delle tradizioni ideato nell’ambito dei progetti del Dipartimento di Antropologia del CDPS. Castelfranci, piccolo centro irpino, è avviato sulla strada del vino fin dalla costruzione della ferrovia, nel secolo scorso, strada ferrata che permetteva il trasporto delle uve verso il Nord, oggi promuove i suoi prodotti col Castelfranci Wine Festival, una manifestazione di notevole successo. Alla mia proposta di adesione al progetto, il professore Di Napoli è stato entusiasta ed il sindaco ha accettato con entusiasmo. L’intento è quello di riproporre i fuochi rituali, abbandonati da qualche anno e ripresi con successo da altri paesi quali Nusco. Ai fuochi sono legate altre tradizioni che andremo a scoprire grazie all’incontro-studio, è in programma, infatti un appuntamento, alle ore diciassette, nella sala consiliare, in cui ci si confronterà, tra esperti, sulle tradizioni, i simbolismi e le radici storiche dei riti. Interverrà il sindaco Generoso Cresta, il prof. Alessandro Di Napoli referente del progetto per Castelfranci, intellettuale operoso del CDPS, critico letterario attento ad ogni tipo di scrittura, autore su Silarus, rivista letteraria del Centro Sud.  Di Napoli illustrerà le tradizioni del luogo legate a Sant’Antonio Abate e alle “focalenzie”. In paese, spiega il professore, c’era la tradizione di allevare un maialino libero per le strade, ogni persona si sentiva in dovere di cibare la bestiola che girovagava tranquilla senza allontanarsi. Per la festività del santo il maiale ingrassato era sacrificato in dono alle famiglie povere. In altri paesi, quali Sant’Angelo all’Esca, c’era la stessa tradizione con alcune varianti, il maiale era dedicato a San Michele e le sue carni finanziavano la festa del santo.

(altro…)

Grande_Tirata_Carro_Mirabella_EclanoDSCF8475_15092012Grande_Tirata_Carro_Mirabella_EclanoDSCF8438_15092012Grande_Tirata_Carro_Mirabella_EclanoDSCF8439_15092012Grande_Tirata_Carro_Mirabella_EclanoDSCF8440_15092012Grande_Tirata_Carro_Mirabella_EclanoDSCF8441_15092012Grande_Tirata_Carro_Mirabella_EclanoDSCF8442_15092012
Grande_Tirata_Carro_Mirabella_EclanoDSCF8443_15092012Grande_Tirata_Carro_Mirabella_EclanoDSCF8444_15092012Grande_Tirata_Carro_Mirabella_EclanoDSCF8445_15092012Grande_Tirata_Carro_Mirabella_EclanoDSCF8446_15092012Grande_Tirata_Carro_Mirabella_EclanoDSCF8447_15092012Grande_Tirata_Carro_Mirabella_EclanoDSCF8448_15092012
Grande_Tirata_Carro_Mirabella_EclanoDSCF8449_15092012Grande_Tirata_Carro_Mirabella_EclanoDSCF8453_15092012Grande_Tirata_Carro_Mirabella_EclanoDSCF8455_15092012Grande_Tirata_Carro_Mirabella_EclanoDSCF8456_15092012Grande_Tirata_Carro_Mirabella_EclanoDSCF8462_15092012Grande_Tirata_Carro_Mirabella_EclanoDSCF8463_15092012
Grande_Tirata_Carro_Mirabella_EclanoDSCF8467_15092012Grande_Tirata_Carro_Mirabella_EclanoDSCF8468_15092012Grande_Tirata_Carro_Mirabella_EclanoDSCF8471_15092012Grande_Tirata_Carro_Mirabella_EclanoDSCF8472_15092012Grande_Tirata_Carro_Mirabella_EclanoDSCF8473_15092012Grande_Tirata_Carro_Mirabella_EclanoDSCF8474_15092012

La Grande Tirata 2012, un set su Flickr.

Mirabella Eclano il 15 settembre 2012 – Il Carro – Il viaggiatore, che sul finire dell’estate sceglierà di percorrere itinerari irpini di feste e di sagre, dovrà fare “attenzione” al luogo in cui si fermerà, perché se la curiosità o il caso lo avranno portato a Mirabella Eclano, sarà coinvolto emotivamente e fisicamente nell’ “impresa dell’anno”: il trasporto del Carro.L’appuntamento è fisso: il sabato che precede la terza domenica di settembre, giorno in onore della Madonna Addolorata, a cui è dedicata questa singolare macchina da festa, un obelisco alto circa venticinque metri il cui scheletro è costituito da una struttura di travi lignee rivestite da pannelli di paglia lavorata a mano.Il Carro viene trasportato, attraverso i campi e lungo le strade cittadine, da sei coppie di buoi e da una moltitudine di uomini.Aggrappati alle funi di canapa che si diramano da esso, i “funaioli” lo tirano a braccia pronti a correre, ad allentare la presa o a frenarne la corsa, pur di evitare l’evento più temuto, una rovinosa caduta considerata dai protagonisti del rito foriera di sventure…… continua su http://www.comune.mirabellaeclano.av.it/portale/turismo/il-carro/